In montagna lo spopolamento non è mai cessato, e la pandemia non cambierà i rapporti con la città

Le riflessioni di Gino Borello (CAI Mondovì) a margine dell'editoriale Se non ora, quando? 

Contenuti extra lettere