CAI BRA

Concerto di Natale per Sanonani

Descrizione dell'evento

Il concerto di Natale di Elisa Tomellini è stato organizzato per per sostenere il progetto della Casa Famiglia Sanonani, da realizzare alla periferia di Kathmandu.
In apertura, si esibirà la Corale Sant'Agostino di Pocapaglia.
È prevista la partecipazione dell'alpinista Marco Camandona. Appuntamento venerdì 22 dicembre alla ore 21 all'Auditorium CRB di Bra. Ingresso a offerta libera.

Elisa Tomellini, pianista e alpinista genovese, ha cominciato lo studio del pianoforte all’età di cinque anni, e ha conseguito il diploma, con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio G. Verdi di Milano nel 1997.
Vincitrice o premiata in numerosi concorsi internazionali, si è esibita in recital e con orchestra in Italia e all’estero per numerose associazioni e teatri.

L’8 luglio 2017 Elisa ha coronato il suo sogno di suonare per le montagna – dopo esservi salita a piedi – stabilendo il record del concerto per pianoforte più alto al mondo a quota 4460 metri esibendosi sul ghiacciaio del Colle Gniffetti sul Monte Rosa. Parte dei proventi dei diritti del docufilm che sarà realizzato sarà devoluta a favore della Casa Famiglia Sanonani.

Sanonani in nepalese significa "piccolo bambino" ed è anche il nome di un progetto rivolto non esclusivamente ai bimbi soli, ma anche a quelle famiglie numerose che non possono dare sostentamento a figli. Per questo l’idea è di creare una vera e propria casa famiglia dove chi ha bisogno, potrà trovare un pasto caldo, un letto e tutto il sostegno necessario.
I bimbi accolti dovranno frequentare la scuola pubblica e continuare a vivere con le loro abitudini, perché l’intento principale è quello di aiutare queste persone nel rispetto e difesa della loro cultura, della loro lingua, religione e pensiero.
Ovviamente mettere in piedi un progetto di questa entità non è facile e abbiamo bisogno oltre che di contributi economici, anche di professionalità specifiche come, muratori, imbianchini, elettricisti e chiunque sia in grado di dare un aiuto pratico per costruire l’edificio.
In seguito saranno ben accolti tutti coloro che avranno voglia di dedicare tempo e impegno a questo progetto, a partire da insegnanti, educatori psicologi, medici e volontari, tutti uniti da un solo denominatore: la passione.

Sanonani è un progetto italiano e per questo ci piacerebbe che i bimbi imparassero la nostro lingua, che per loro, in futuro, potrebbe anche diventare un importante strumento lavorativo.

Marco Camandona ha posto la seconda pietra di questo sogno devolvendo alla Onlus l’intero ricavato del libro sulla sua ultima conquista, il Kangchenjunga (8586 m).

Diventare sostenitori di Sanonani con un piccolo contributo significa iniziare a costruire un futuro per molti bimbi e le loro famiglie.