La traversata dei Becchi Rossi

Alta Valle Stura – Benvenuti in paradiso!

Un breve ma importante giro, che si può combinare con altre classiche dela zona come il Passo di Scolettas o il Colle del Puriac: l'itinerario, appagante per il ciclista in salita come in discesa, consente di ammirare una delle zone più appartate della Valle Stura.

Località di partenza: 1300 m (Pontebernardo)
Sviluppo: 22 km
Dislivello: 1050 m
Difficoltà: MC+/BC+ (M2/T3/E2)
Tempo di percorrenza: 3-4 ore
Sito internet: cicloalpinismo.com
Cartografia: Fraternali, 1:25.000 n. 13, Alta Valle Stura di Demonte

Accesso stradale. Da Cuneo si raggiunge Borgo San Dalmazzo e si percorre la SS 21 del Colle della Maddalena fino a Pontebernardo, lasciando l'auto nel parcheggio subito prima del paese.

Itinerario. Da Pontebernardo (1300 m) si prende subito la stradina asfaltata per il Rifugio Talarico. Si prosegue per circa 2 chilometri fino a un bivio a destra con indicazione per Murenz (1580 m), bellissima borgata che si raggiunge in pochi minuti.
Attraversato il gruppo di case, dopo circa duecento metri si trovano i segnavia (sinistra, abbastanza ripido) per il Colle dei Becchi Rossi.
La mulattiera ha un fondo perfetto e una pendenza costante, molto sostenuta, che comunque non pregiudica la ciclabilità.
Si guadagna rapidamente quota passando in prossimità di bunker e baraccamenti militari (consigliata una luce per una veloce esplorazione, le opere sono in buono stato), avendo di fronte le spettacolari Barricate.
In prossimità del colle (2244 m) la mulattiera, diventata sentiero, costringe a spingere per non più di dieci minuti la bici. Al colle, altre piccole opere militari e vista spettacolare sulla media valle Stura.
Si continua in discesa su un magnifico sentiero, tutto tornantini, dal fondo praticamente perfetto, dove però la pendenza richiede una perfetta padronanza del mezzo. Con un bel traverso finale in un fitto bosco si arriva sul fondo del Vallone del Rio Forneris (1870 m), che si attraversa nei pressi dei prati San Lorenzo.
Risaliato il sentiero con un breve tratto a spinta, si lascia a sinistra il bivio per il Colle del Ferro e in breve, con un traverso e un altro ponticello, si raggiungere la splendida borgata di Ferrere (1860 m).
Per evitare l'asfalto che da Ferrere conduce a Bersezio si scende proprio sotto il paese: attraversato un ponticello, il sentiero nel primo tratto è ben tenuto, poi, poi man mano che si perde quota, si confonde nelle tracce dle bestiame.
La ciclabilità non risulta comunque pregiudicata e seguendo la sponda sinistra del rio si trova una carrozzabile sterrata che in breve conduce al Villaggio Primavera. Da qui si imbocca la statale, ed evitando sulla sinistra la galleria con la vecchia strada in breve si rientra a Pontebernardo.